martedì 2 settembre 2014

{Oggi è} Ti ho conosciuto, Stupore.

Ti ho conosciuto e sentito, Stupore, ma chissá tu cosa penserai di me che son qui ad immaginare a che cosa sarebbe questa mia vita senza te.
Ti ho conosciuto Stupore, quando ho chiuso gli occhi e mi sono sentita parte di qualcosa, per la prima volta, in questi strani, pieni, complicati quasi ventisette anni di vita. 

Vita, quando senti scorrere passione ed amore nelle vene. Quando ti scoppia il cuore. 
Quando vorresti dire mille cose, ma non ci sono abbastanza parole. Forse, poche, quelle giuste. 
Vita, quando abbracci e non hai nulla a cui pensare. Quando piangi e sei stanca, ma una canzone ti fa dimenticare. Quando voglio esser io quella che decide senza aspettare; quando il mio nome viene prima di quello di chiunque altro.
E non per egoismo, ma per amore. 
Vita, quando sorridi e sai che adesso, non hai più bisogno di niente. 

Ti ho conosciuto stupore, in un giorno di sole.
Ti conosciuto nei miei giorni liberi. In quelli frenetici.
Ti ho conosciuto nelle parole che spaccano il cuore, nelle promesse che si possono mantenere. 
Negli adii che non vorrei mai dare. Se addio era quello di oggi.
Nel mio tremare davanti alla parola amore. In tutta questa passione. 
Ti ho conosciuto. Stupore. in un messaggio che ha tardato ad arrivare. 
Ti ho conosciuto, in quella carezza che non trova tempo, ne amore. 
Nella firma di un nuovo contratto, nel cognome stampato sul campanello in un civico che oggi è tutto mio. 
Nella voglia di festeggiare, ma mai una volta che fosse insieme. 

Ti ho conosciuto Stupore, e ti ho guardato attraverso gli occhi invecchiati di mio padre, in quelli fieri di mia madre. 

Ti ho conosciuto Stupore, nei viaggi e nelle persone che mi hai fatto incontrare. 
In quelle di cui non ricordo nemmeno il nome e chi,invece, oggi é parte integrante di questo cuore.
Nell'autostrda piena e le sigarette a metà. 
Nella musica italiana e quella jazz che fa tanto infanzia e nostalgia, tra questa mia ipocondria.
Nella voglia di dare, non sempre calibrata. Nel doversi stoppare e non inciampare.

Nei giorni di pioggia e in quelli di sole, ti ho conosciuto Stupore. E mi piaci da morire. 



Jessica 

venerdì 29 agosto 2014

{Workshop} Coroncine floreali

Non lo so se sono più felice io o voi di questo workshop, so solo ritorna a Bologna e lo si fa con una delle composizioni che più mi piace: coroncine floreali!

Che siano da attaccare alla porta di casa o come accessorio per i capelli, realizzeremo coroncine a non finire!
Grandi come quelle di Lana Del Rey piccole come gli hippie degli anni settanta, colorate o delicate come quelle di una sposa.. Insomma, tre ore piene da passare insieme tra fiori, chiacchiere ed uno spuntino!

Bologna,
28 settembre,
Via Gorki, zona corticella 
Dalle 11 alle 13,00 

Info, costi ed iscrizioni entro il 15settembre a 
press.uhlala@gmail.com







lunedì 25 agosto 2014

{Oggi è} Le cose che non TI ho detto mai

Le cose che non ti ho detto mai, sono tante. E sono poche. 
Le cose che non ti ho detto mai, sono confuse. E sono dette a bassa voce. 

Non TI ho detto mai che per tutte le volte che ti ho chiesto di lasciarmi andare, mi hai sempre fatto venir voglia di tornare per restare. 

Non TI ho detto mai che non ti ho capita. E che mi piace guardarti nella tua vita, nelle tue mille passioni o nuove religioni. Ma non ti ho capita. E forse, non ci riuscirò mai. 

Non VI ho detto mai che tutta questa ostilità non fa bene. E si potrebbe rimediare. 

Le cose che non TI ho detto mai non sono poi così tante, forse.
Tu mi rendi libera. 
E non sapere, per la prima volta nella mia vita, non mi fa paura. 
Non ti ho detto mai che mi hai dato una versione rara di quello che chiamano romanticisimo. E mi piace. 
E poi, non ti ho detto mai che alle volte, ti penso mentre scrivi e che vorrei tanto leggerlo il tuo libro. 

Non TI ho detto mai che avrei voluto finire una cosa insieme a te. 
Una qualunque cosa.
Una cena, un film ,una canzone, una frase. 
Non TI ho detto mai che mi hai mangiato il cuore, ma se oggi non butto le sigarette nella spazzatura è grazie a te. 
"So che apprezzerai" anche tu. 

Non TI ho detto mai che non chiedo nulla di più di quello che una persona ha voglia di dare. Tu però, lo sapevi già. 
Non ti ho detto mai che c'ero io dietro al "per casualità vi ho trovato sul web" perché era il mio modo di dirvi grazie. 

Non VI ho detto mai che oggi siete la mia sincerità. La mia voglia di sorridere e raccontare. Le serate ignorati e quelle stravaganti. Il conto alla rovescia sul calendario. 
Non vi ho detto mai che Minghi mi piace, cavolo! E mi piace da morire. Ma, mi piace sopratutto sapere, che oggi siete la mia nuova parte di cuore. 




Jessica 

mercoledì 20 agosto 2014

{Oggi è} NOI si è semplici e alle volte, fragili

Seduta per terra perché in questa mia semi-vera-casa vuota, sto bene. 
Sto bene tra questi spazi bianchi che si riempiono di tutti quei sogni che ancora rallentano. 
Sto bene a guardarla da questa prospettiva. 
E, tornando al tuo discorso, io forse ancora non la sento del tutto mia.
Arredata con oggetti presi un po a caso come, alle volte, a caso, sono io. 
E mobili che ancora mancano. 
Come alle volte, manco io. 

Di tutte le parole che vorrei riempissero questa stanza, non ne trovo di adatte, ancora. 

Ti avevo avvisata, sono un casino atomico di persona, ma tu sei rimasta. 
E alla promessa "ci sarò sempre", noi non ci abbiamo creduto mai perché 
"C'è chi mostra e chi dimostra". 

Noi si dimostra. 

Noi si dimostra negli abbracci, nei messaggi. 
Nel ridere dei giorni, delle serate alcoliche e delle mattine confuse. 
Un pó stropicciate. 
Dimenticate. 

Noi si dimostra forza distruttiva verso certi, tossici amori. 
Leggerezza verso veri rancori. 

Noi si sta insieme anche nell'assenza. 
Anche nella lontananza. 
Noi si dimostra nel senso del dovere ed i chilometri, per piacere. 
Noi si è "malefiche", ma tanto sceme.
Noi si è tanto forti, quanto fragili.

Noi si è incostanti, ma presenti. 
Lisce o ricce. Truccate e taccate o pigiamate. 
Noi si è complici e giuste.

E noi lo si dimostra ridendo, bevendo e mangiando. Troppo, alle volte!

Noi si è di pancia e di cuore. 
Un cuore che oggi ti voleva dimostrare quanto con te sia sempre così tanto semplice amare. 




Jessica 


martedì 5 agosto 2014

{Video} La mia felicità in una canzone. E in edicola


Se si potesse scegliere che canzone suonare in un momento di felicità, oggi sceglierei decisamente Laura Gibson "Lion/Lamb" (lo so Lenny non ci puoi credere!).
La sceglierei per il mio destino elegante.
E per come, in questo post accennavo, tutto torna e non sempre le cose si scelgono, semplicemente arrivano.

 E così mentre pensavo come chiudere sul blog, questa mia stagione lavorativa, è arrivata LA proposta che non si può rifiutare. Quella che aspettavi e che forse un po', non speravi.

La proposta sarà su Abitare Country, precisamente sul numero di settembre-ottobre dedicato all'autunno,  in edicola da giovedì prossimo.

Per chi avesse l'ipad è già possibile acquistarlo nella versione digitale direttamente dall'apple store, come ho fatto io ieri sera, con un ipad in prestito, perché nonostante la mia copia omaggio sia in arrivo, morivo dalla voglia di vederlo.





Potete, insieme a me, ascoltare la canzone e la mia felcità, in questa video anteprima , realizzata da LennyPellico.



Uhlalà | Equinozio d'autunno from Lenny Pellico on Vimeo.

giovedì 31 luglio 2014

{Flowers} Lievitazione naturale

Ieri sera ho seguito la seconda lezione del corso di cucina, inutile dirvi quante cose buone abbiamo preparato e quante troppe, abbiamo mangiato!
Come sempre, sono rapita più dalla storia che c'è dietro a chi insegna che quello che insegna. E così con i miei ben due vassoi (aiuto c'è da mangiare per venti persone nel mio frigo, qualcuno è libero per pranzo?!) colmi di tutto quello che può lievitare e diventare pane,  ho portato a casa la voglia di non mollare. 

Di aver periodi in cui è difficile, ma si deve restare, perché quando sentì  che c'è qualcosa che ti tiene qui e quel qualcosa è così forte, ci si deve almeno provare. 
Quando follia mi appartiene. E inzia a convincermi!

E allora come per il pane, la focaccia, le tigelle e le crescentine, tutto ha bisogno di lievitare naturalmente ed aver tempo d'aspettare, perché quando sarà pronto, gustarlo avrà tutt'altro sapore. 

Un sapore che oggi, sa di rose dal colore romantico e forma morbida (come la mia ormai a forza di mangiare!) pronte da consegnare 

Buona giornata gente 


martedì 29 luglio 2014

{ Oggi è} Si muore ogni giorno

C'è una guerra ogni giorno.
C'è la violazione della dignità umana in qualunque posto nel mondo. Anche il più sviluppato. 
C'è silenzio e poca informazione. 
C'è chi è stanco e ne vuole parlare, senza troppa retorica o morale. 

Nessuna guerra è giusta. 
Nessun esercito combatte per difesa.
E non c'è nessun motivo religioso, etico, politico o economico sufficientemente vero per giustificare quando la gente muore. 

E muore senza aver potuto scegliere e capire. Muore perché non abbiamo abbastanza potere, n'è diffusione. 
Muore, perché un Paese decide che non è più tempo d'aspettare. E si può bombardare. 

Oggi, muore, chi è parte di questo sistema e non ha il coraggio di cambiare. Chi subisce violenza e non sa con chi parlare. 
Muore chi chiude gli occhi invece che aiutare. 

Si può cambiare. 
Si può non morire senza prima aver provato ad amare e smettere di bombardare. 








Jessica 


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...